corruzione

1981: La distribuzione dell'opuscolo
1981: La distribuzione dell'opuscolo
21 Settembre 2021
L'imprenditore romano Angelo Di Mario, titolare di un impianto di conglomerato bituminoso a Posta, denunciò l'esistenza di un sistema per assegnare i lavori di manutenzione di strade provinciali e comunali a imprese legate a politici di alcuni partiti locali. In un libello distribuito ai cittadini in piazza del Comune descrisse i retroscena delle gare. L'indagine si concluse con il proscioglimento degli indagati, ma confermò l'esistenza di accordi tra le società
Udienza in tribunale, sulla destra gli avvocati Petrangeli e Pietro Carotti
Udienza in tribunale, sulla destra gli avvocati Petrangeli e Pietro Carotti
29 Novembre 2020
L'inchiesta riguardò la concessione ai privati, dietro pagamento di tangenti a funzionari della Regione Lazio, di contributi a fondo perduto per ristrutturare hotel e ristoranti. Nel Reatino furono inquisiti dalla procura molti operatori turistici dell'alta valle del Velino, ma il processo, riunificato con gli altri filoni di Latina e Frosinone, si celebrò a Roma